ricerca
eventi-news
  1.  
  2. È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Europea del 18 giugno la nuova Direttiva 2010/31/Ce sulla prestazione energetica nell'edilizia.
    La Direttiva, che sarà in vigore dal...


    leggi tutto >>>
  3. Dopo il via libera del Governo al tanto atteso e discusso quarto Conto Energia per il solare fotovoltaico, si apre un nuovo fronte di discussione...


    leggi tutto >>>
  4. Dopo il parere consultivo del Consigli dei Ministri di ieri, il quarto Conto Energia, il decreto che ridefinisce il sistema degli incentivi agli impianti fotovoltaici,...


    leggi tutto >>>
  5. ENERGIE RINNOVABILE E GENERAZIONE DISTRIBUITA
    EFFICIENZA ENERGETICA E ARCHITETTURA SOSTENIBILE

    mostra e convegno internazionale
    Fiera di Verona 9-11 Maggio 2012

    leggi tutto >>>
Home Energie alternative Isolamento

postheadericon Isolamento


isolamentoIl riscaldamento e la costruzione degli edifici sono i fattori che influenzano maggiormente sul bilancio energetico delle società ed sono sicuramente gli aspetti più importanti sui cui concentrare gli sforzi per ridurre l'emissione dei gas serra.

Gli obiettivi principali nel concetto energetico dell’edificio sono: la riduzione dei consumi energetici invernali ed estivi con prescrizioni restrittive per l’edificio; l’utilizzo razionale delle fonti tradizionali con impiantistica ad elevato rendimento; lo sfruttamento delle fonti energetiche rinnovabili per la produzione di acqua calda sanitaria con energia solare. L’efficienza energetica dipende dall’involucro edilizio, dalla qualità dei materiali e dalle soluzioni impiantistiche mentre il comfort abitativo dal comfort termico e acustico, dal comfort igrometrico e dalla qualità dell’aria. I benefici che possono derivare da questa nuova cultura del costruire sono molteplici e a lungo termine in quanto: consente di ridurre concretamente le emissioni di gas serra ed incrementare la sostenibilità ambientale; rinnova il mercato immobiliare sviluppando innovazione ed economia; comfort abitativo elevatissimo e igiene dell’aria; garantisce una ottima qualità edile, nessun problema di condense e muffe; considera l’edificio performante; è un sostegno ed una nuova opportunità per piccole e medie imprese del territorio; ognuno si sceglie la qualità energetica della propria casa riducendo notevolmente i costi di gestione.

Nelle nostre regioni mediterranee non si può non considerare la variabilità del clima e delle stagioni: in inverno bisognerebbe conservare l'energia e captare la radiazione solare; in primavera ed autunno sfruttare le condizioni climatiche esterne ottimizzandole per ottenere comfort; in estate proteggere dalla radiazione solare e dal surriscaldamento.

E' molto importante considerare che l'utilizzo di materiali isolanti condizione il passaggio di calore tra gli ambienti. Il calore si trasmette secondo tre differenti modalità: conduzione (5-10%), convezione (15-30%) e irraggiamento (60-80%). Quest'ultimo è la causa principale di dispersione del calore tanto da rappresentare circa l'80% dell'energia totale consumata nelle abitazioni durante il periodo invernale. I sistemi per evitare le dispersioni termiche sono: l'isolamento tradizione che contrasta il passaggio del calore mediante resistenza termica e l'isolamento riflettente che impedisce il passaggio mediante il potere riflettente. Fanno parte degli isolanti tradizionali i materiali di origine: minerale ( argilla espansa, perlite espansa, vermiculite espansa, pomice, vetro cellulare, lana di roccia, calcio silicato), vegetale ( fibra di cellulosa, fibra di legno, fibra di legno mineralizzata, fibra di canapa, fibra di lino, fibra di cocco, fibra di juta, canna lacustre,  sughero), petrolchimica ( poliuretano, polistirene o polistirolo ), animale ( lana di pecora).

L’utilizzo dell’isolante termoriflettente è più che mai indicato infatti, consente alla casa di non disperdere calore in inverno e di non surriscaldarsi in estate, è un elemento chiave in quanto consente di conservare l’energia termica in inverno riflettendo il calore verso l’interno e in estate riflettendo verso l’esterno garantendo maggior freschezza all’interno.sia per il riscaldamento nei mesi invernali che per il raffrescamento nei mesi estivi. Per ottenere un alta efficienza energetica occorre minimizzare le perdite e sfruttare al massimo i guadagni solari passivi ed i contributi interni di calore. Gli isolanti riflettenti hanno diverse applicazioni: nel pavimento, che è una delle principali cause di dispersione termica, protegge il pavimento dalle basse temperature del suolo ed è ideale anche per il riscaldamento a pavimento; nella parete funziona sia da isolante termico sia acustico ed è costituito da due strati di film a bolla d'aria interamente saldati tra loro con all'esterno due fogli di alluminio; sul tetto, che è una superficie importante da isolare perchè maggiormente esposta alle radiazioni del sole, vengono combinati l'alto potere riflettente dell'alluminio(97%), la leggerezza e la maneggevolezza del film a bolla d'aria in doppio strato saldato lungo le estremità.

La buona isolazione termica, però, ha il difetto di non permettere la "respirazione" dei muri; questo può favorire la formazione di condense e di conseguenza lo sviluppo di muffe. La principale causa è lo scarso rinnovo dell'aria, dovuto il più delle volte all'utente che non esegue un efficace ricambio d'aria per tener sottocontrollo l'umidità, così il vapore acqueo conseguenza delle normali attività umane rimane intrappolato nelle abitazioni aumentando l'umidità relativa dell'ambiente. Infatti le normali abitazioni possono smaltire solo il 2% dell'umidità generata per diffusione attraverso l'involucro esterno, il restante 98% dovrà essere smaltito grazie al ricambio d'aria. Esistono tre sistemi di ventilazione per ricambiare l'aria: ventilazione naturale, cioè ogni ricambio che avviene in modo indipendente dall'intervento umano e in assenza di organi meccanici in movimento ( un esempio è la ventilazione che avviene mediante gli spifferi delle porte e delle finestre in base alla loro tenuta dell'aria); la ventilazione meccanica, cioè un sistema di immissione ed estrazione forzata dell'aria (un esempio sono le cappe delle cucine e quelle dei servizi igienici privi di finestra); ventilazione meccanica controllata, cioè un sistema di ricambio d'aria continuo. Il suo principio di funzionamento si basa sull'estrazione continua di aria viziata da alcune zone dell'abitazione, per esempio cucina e bagno, tale da creare una leggera depressione che induce all'ingresso d'aria fresca dall'esterno negli altri locali ad esempio soggiorno e camere. Per poter assicurare il passaggio dell'aria è sufficiente che le porte interne siano  leggermente sollevate di circa mezzo centimetro dal pavimento. Indicativamente, se l'umidità relativa si aggira intorno a 40-50% ad una temperatura standard di 20°C il pericolo di condense è scongiurato